Connettiti con noi

News

UFC: Marvin vettori, colui che ha portato le mixed martial arts del bel paese negli states!

Avatar

Pubblicata

su

THE ITALIAN DREAM
Marvin, soprannominato “the italian dream”, combatte nella categoria dei pesi medi nella più prestigiosa organizzazione mondiale delle MMA, la UFC.

Dopo un breve percorso all’interno di alcuni circuiti europei nei quali riesce a laurearsi campione dei pesi welter, decide di volare nel paese delle opportunità per realizzare il suo sogno, diventare campione mondiale delle UFC.

Questo sua scelta lo porta ad essere l’italiano più giovane a combattere in questa promotion e il quarto di sempre dopo Alessio Sakara, Ivan Serati e Alessio Di Chirico.

Marvin è a tutti gli effetti un lottatore completo; egli, infatti, abbina un ottimo grappling ad un preciso, puntuale e devastante striking. Essendo cintura marrone di brazilian jiu jiitsu il suo punto di forza è sicuramente la lotta a terra, non a caso nove delle sue quindici vittori sono state realizzate tramite una sottomissione tra cui l’ultima contro Karl Roberson che ha portato “the italian dream” di diritto nell’elite dei pesi medi UFC.

THE CAREER FIGHT
Nella notte tra il cinque e il sei dicembre andrà in scena un evento senza precedenti, infatti Marvin Vettori sarà il primo italiano a partecipare ad un “main event” UFC ed affronterà il fighter norvegese Jack Hermannson, ma andiamo con ordine:

Hermannson, “the joker”, avrebbe dovuto affrontare Holland che però, causa covid19, è stato costretto a fare un passo indietro e fermarsi, mentre il fighter italiano sarebbe andato a sfidare il brasiliano Souza.

Dopo una serie di vicissitudini, la dirigenza UFC ha deciso di allestire un match in extremis per il numero quattro del ranking e la scelta è ricaduta sul fighter italiano il quale, nonostante il poco preavviso (5 giorni), non ha esitato ad accettare l’incontro e firmare per questo nuovo match.

Ma chi è questo Hermannson?

Il fighter norvegese si trova attualmente alla quarta posizione del ranking ed è ormai un veterano nella categoria.

Vanta vittorie molto prestigiose come ad esempio quelle contro Gastelum e lo stesso Souza; il Jolly norvegese possiede un bagaglio tecnico da invidiare, infatti è un lottatore molte abile in piedi ma che sprigiona tutta la sua tecnica e potenza a terra.

Tra le sue caratteristiche principali troviamo dei takedown devastanti realizzati al fine di mantenere l’avversario al tappeto e delle precise sottomissioni, figlie della sua cintura nera in BJJ.

Vettori non parte certamente favorito, gli esperti del settore e soprattutto i fan sono preoccupati che la scelta del lottatore trentino possa risultare eccessivamente azzardata, dubbi che vengono fomentati in particolar modo dal fatto che Marvin abbia pochi giorni per dimenticare Souza e concentrarsi nello studio di Hermannson;

detto ciò sarà un match molto duro per il nostro connazionale che però ha tutte le carte in regola per sormontare questo ostacolo e candidarsi per una “title shot”, soprattutto nel caso in cui il match contro il norvegese dovesse andare oltre il terzo round.

Continua A Leggere

Calcio

Inter batte la Roma 3-1

Avatar

Pubblicata

su

L’Inter Campione d’Italia, supera la formazione di Fonseca per 3-1, si complica la corsa per la Conference League

TABELLINO E MARCATORI

INTER (3-5-2): Radu 6,5 ; Skriniar 6, Ranocchia 6, D’Ambrosio 6; Darmian 5,5 (77′ Young), Barella 6, Brozovic 6,5 , Vecino  6,5(59′ Sensi), Perisic 6 (59′ Hakimi); Lukaku 7 , Sanchez 6,5 (35′ Lautaro Martinez; 77′ Pinamonti). All. Conte

ROMA (4-2-3-1): Fuzato 5,5; Karsdorp 6 (88′ Bruno Peres), Mancini 6 , Kumbulla 6,5, Santon 6; Darboe 6 (88′ Carles Perez), Cristante 6,5 (76′ Villar); Pedro 6 (46′ El Shaarawy), Pellegrini 6, Mkhitaryan 6,5; Dzeko 6,5. All. Fonseca

Ammoniti: Darboe (R), Santon (R), Kumbulla (R)

Marcatori : 11′ Brozovic (I), 20′ Vecino (I), 31′ Mkhitaryan (R), 90′ Lukaku (I)

San Siro teatro di una partita molto divertente, dove l’Inter conquista la 15esima vittoria casalinga, mettendo in crisi la Roma per la corsa Europea.

Anche se la Roma parte bene, il vantaggio al minuto 11’ è di fattura nerazzurra, Sanchez appoggia per Darmian, che si allunga a trova Brozovic che supera Fuzato.

La Roma cerca il pari, però al 20esimo Vecino, servito da Romero Lukaku, trova la palla del 2-0.

Al 31’ Mkhitaryan accorcia le distanze, Dzeko lo serve al bacio e l’armeno spacca in 2 la difesa interista.

L’inter però controlla la gara e nel finale trova anche il terzo sussulto con Romero Lukaku, dopo l’involata di Hakimi che serve agilmente il belga, gol numero 22 in campionato

Continua A Leggere

Calcio

Torino-Milan, quando il diavolo veste Seven!

Alemanno Luca

Pubblicata

su

No, questa volta la Roma non c’entra nulla ed il risultato tennistico arriva direttamente da Torino dove il Milan umilia anche i cugini dei bianconeri nell’impresa all’Allianz Stadium. Nella 36a giornata di Serie A il Milan rifila sul campo granata, 7 granate che valgono quasi la Champions League ed il risultato resterà nella storia.

Nel primo tempo in 5 minuti ci pensano Theo e Kessie a terminare la prima frazione di gioco per 2 reti a 0. Nella ripresa si aprono le danze della mattanza al Toro: Diaz, ancora Theo ed una tripletta di Rebic tuonano contro un Cairo che ora resta a 4 punti sopra il Benevento in una zona di salvezza ma non ancora solida ( da recuperare anche il match contro la Lazio )

TORINO: Sirigu, Bremer, Lyanco, Buongiorno, Singo, Baselli (56′ Rincon), Mandragora, Linetty (56′ Verdi), Rodriguez (56′ Ansaldi), Zaza, Bonazzoli. 

A disp.: Sava, Ujkani, Ansaldi, Lukic, Belotti, Sanabria, Verdi Vojvoda, Rincon. All.: Nicola.

MILAN: G. Donnarumma, Calabria, Kjaer, Tomori, Theo Hernandez (70′ Dalot), Bennacer (46′ Meite), Kessie, Castillejo, Diaz (63′ Krunic), Calhanoglu (70′ Leao), Rebic (80′ Mandzukic). 

A disp.: A. Donnarumma, Tatarusanu, Gabbia, Kalulu, Romagnoli, Hauge, Maldini. All.: Pioli. 

RETI: 19′, 62′ Theo Hernandez, 26′ Kessie, 60′ Brahim Diaz, 62′, 72, 79′ Rebic

ARBITRO: Marco Guida di Torre Annunziata

AMMONITI: Baselli (T), Linetty (T) – Bennacer (M)

Continua A Leggere

Calcio

Lazio-Parma, Immobile salva l’Europa Zone

Alemanno Luca

Pubblicata

su

Lazio-Parma è stata una partita priva di emozioni peggio che guardare un acquario con 2 pesci rossi per 95 minuti di gioco e qualche spavento sia da una parte che dall’altra.

I biancocelesti partono bene con una rosa del tutto rivoluzionata e con molte seconde scelte più un Muriqi in vacanza romana. Una traversa di Luis Alberto è stata l’occasione più emozionante del comparto biancoceleste mentre 2 sono i legni dei crociati nel secondo tempo tra i quali uno interno con Strakosha spiazzato ed il secondo su una grande parata del portiere albanese che evita il tracollo di una formazione in balia del catenaccio di D’Aversa.

La 36a giornata di Serie A termina con 3 punti per la banda di Inzaghi che lasciano ancora aperto uno spiraglio per la Champions League con tutte le altre che vincono in alto ma con una matematica che non ha ancora condannato i biancocelesti. Ci pensa Ciro Immobile al 95imo minuto di gioco a siglare la rete della vittoria con un’azione agevolata da più rimpalli nella difesa a 11 ospite.

LAZIO-PARMA 1-0

Marcatore: 90’+5′ Immobile

LAZIO (3-5-2) – Strakosha; Patric (79′ Caicedo), Acerbi, Radu (57′ Luiz Felipe); Lazzari, Parolo (73′ Akpa Akpro), Cataldi (57′ Escalante), Luis Alberto, Fares; Immobile, Muriqi (57′ Correa)

A disp.: Reina, Alia, Marusic, Lulic

All.: Simone Inzaghi

PARMA (5-3-2) – Sepe; Busi, Dierckx, Bani (84′ Osorio), Valenti, Gagliolo (62′ Laurini); Sohm (84′ Grassi), Hernani, Kurtic; Brunetta (83′ Traore), Pellè (73′ Cornelius)

A disp.: Colombi, Rinaldi, Alves, Balogh, Zagaritis, Camara

All.: Roberto D’Aversa

Arbitro: Federico Dionisi (sez. L’Aquila)

Assistenti: Sechi – Avalos 

IV uomo: Giua

V.A.R.: Piccinini 

A.V.A.R.Passeri

NOTE. Ammoniti: 10′ Brunetta (P), 92’+2′ Hernani (P)

Recupero: 2′ pt, 5′ st

Serie A TIM 2020-2021 | 36ª giornata

Mercoledì 12 maggio 2021, ore 20:45

Stadio Olimpico di Roma 

Continua A Leggere

Post In Tendenza