Connettiti con noi

Calcio

UCL: Pronostici rispettati, Mbappe show e il Dortmund…

Matteo De Angelis

Pubblicata

su

Ieri sera si è ufficialmente conclusa la prima parte dei quarti di finale di Champions League che ha visto trionfare nettamente una squadra con, probabilmente, solo due partite che hanno lasciato ancora qualche scenario aperto per il ritorno.

Real Madrid 3-1 Liverpool

Si è vero al Liverpool mancano ancora Van Dijk e Roberto Firmino ma questa non può essere una giustificazione.

Fase difensiva totalmente assente con il Real Madrid che ha potuto fare qualunque cosa là davanti senza mai trovarsi in difficoltà.

Il “man of the match” è sicuramente Vinicious Jr  che, con una doppietta e un assist per Asensio decide la gara; inutile per gli inglesi il gol di Salah anche se può tenere accesa qualche speranza per il ritorno.


Manchester City 2-1 Borussia Dortmund

Il City di Guardiola, come spesso capita in questa stagione, controlla la partita ma fa fatica a concretizzare.

L’1-0 dei Cityzens arriva infatti a causa di un grave errore in fase di impostazione da parte dell’ex Juventus Emre Can che regala palla a De Bruyne, il belga prima fa partire il contropiede e poi conclude a rete da due passi su una sponda di Mahrez.

Il Borussia dietro fa fatica, ma davanti regala spettacolo; il gol del pareggio è frutto di un fantastico dialogo tra due fenomeni quali Haaland e Reus: il primo assiste e il secondo conclude a rete con un gran tiro a giro dopo un delizioso “stop a seguire” con il tacco.

Il City, quasi casualmente, riesce però allo scadere a trovare il gol del sorpasso, Gundogan è bravo a sfruttare un rimpallo dal quale tira fuori un assist per il giovane Foden che la chiude al 90′.

Passaggio del turno ancora in bilico, il City sembra avere qualche lacuna di troppo mentre il Borussia Dortmund ha davanti una potenza di fuoco invidiabile, vedremo come andrà finire.


Bayern Monaco 2-3 PSG

Lo si è già detto mille volte, quella tra Bayern e Psg è una finale anticipata ed infatti la partita di ieri non ha assolutamente deluso le aspettative.

Qualche assenza d’élite per entrambe le squadre, il Bayern è privo di Lewandowski mentre il Psg deve fare a meno di Verratti e Icardi.

La partita è molto divertente, il PSG parte in quarta siglando due gol solo nella prima metà di gioco, puniscono Mbappe e Marquinhos.

I bavaresi però nel secondo tempo entrano in campo con una mentalità diversa, Choupo-Mouting e Muller, entrambi di testa, riportano la partita in pareggio ma il fenomeno Kylian, diventando il più giovane della storia a segnare almeno 27 gol in Champions League (battuto Messi), decide di vincerla siglando il suo secondo gol dagli sviluppi di una grande azione personale.

Il risultato può dare ancora qualche chance al Bayern Monaco, ma subendo 3 gol fuori casa la situazione si complica notevolmente.


Porto 0-2 Chelsea

Forse il risultato più scontato, sulla partita c’è veramente poco da dire; i portoghesi non fanno una brutta figura, lottano e se la giocano fino all’ultimo ma il divario tecnico tra le due squadre è veramente troppo ampio.

Mount segna l’1-0 e Chilwell la chiude all’85’ segnando un gran gol sul quale però ha più di qualche responsabilità la difesa del Porto.

Chelsea già in semifinale? Probabilmente sì, ma mai dire mai…

Continua A Leggere

Calcio

Inter batte la Roma 3-1

Avatar

Pubblicata

su

L’Inter Campione d’Italia, supera la formazione di Fonseca per 3-1, si complica la corsa per la Conference League

TABELLINO E MARCATORI

INTER (3-5-2): Radu 6,5 ; Skriniar 6, Ranocchia 6, D’Ambrosio 6; Darmian 5,5 (77′ Young), Barella 6, Brozovic 6,5 , Vecino  6,5(59′ Sensi), Perisic 6 (59′ Hakimi); Lukaku 7 , Sanchez 6,5 (35′ Lautaro Martinez; 77′ Pinamonti). All. Conte

ROMA (4-2-3-1): Fuzato 5,5; Karsdorp 6 (88′ Bruno Peres), Mancini 6 , Kumbulla 6,5, Santon 6; Darboe 6 (88′ Carles Perez), Cristante 6,5 (76′ Villar); Pedro 6 (46′ El Shaarawy), Pellegrini 6, Mkhitaryan 6,5; Dzeko 6,5. All. Fonseca

Ammoniti: Darboe (R), Santon (R), Kumbulla (R)

Marcatori : 11′ Brozovic (I), 20′ Vecino (I), 31′ Mkhitaryan (R), 90′ Lukaku (I)

San Siro teatro di una partita molto divertente, dove l’Inter conquista la 15esima vittoria casalinga, mettendo in crisi la Roma per la corsa Europea.

Anche se la Roma parte bene, il vantaggio al minuto 11’ è di fattura nerazzurra, Sanchez appoggia per Darmian, che si allunga a trova Brozovic che supera Fuzato.

La Roma cerca il pari, però al 20esimo Vecino, servito da Romero Lukaku, trova la palla del 2-0.

Al 31’ Mkhitaryan accorcia le distanze, Dzeko lo serve al bacio e l’armeno spacca in 2 la difesa interista.

L’inter però controlla la gara e nel finale trova anche il terzo sussulto con Romero Lukaku, dopo l’involata di Hakimi che serve agilmente il belga, gol numero 22 in campionato

Continua A Leggere

Calcio

Torino-Milan, quando il diavolo veste Seven!

Alemanno Luca

Pubblicata

su

No, questa volta la Roma non c’entra nulla ed il risultato tennistico arriva direttamente da Torino dove il Milan umilia anche i cugini dei bianconeri nell’impresa all’Allianz Stadium. Nella 36a giornata di Serie A il Milan rifila sul campo granata, 7 granate che valgono quasi la Champions League ed il risultato resterà nella storia.

Nel primo tempo in 5 minuti ci pensano Theo e Kessie a terminare la prima frazione di gioco per 2 reti a 0. Nella ripresa si aprono le danze della mattanza al Toro: Diaz, ancora Theo ed una tripletta di Rebic tuonano contro un Cairo che ora resta a 4 punti sopra il Benevento in una zona di salvezza ma non ancora solida ( da recuperare anche il match contro la Lazio )

TORINO: Sirigu, Bremer, Lyanco, Buongiorno, Singo, Baselli (56′ Rincon), Mandragora, Linetty (56′ Verdi), Rodriguez (56′ Ansaldi), Zaza, Bonazzoli. 

A disp.: Sava, Ujkani, Ansaldi, Lukic, Belotti, Sanabria, Verdi Vojvoda, Rincon. All.: Nicola.

MILAN: G. Donnarumma, Calabria, Kjaer, Tomori, Theo Hernandez (70′ Dalot), Bennacer (46′ Meite), Kessie, Castillejo, Diaz (63′ Krunic), Calhanoglu (70′ Leao), Rebic (80′ Mandzukic). 

A disp.: A. Donnarumma, Tatarusanu, Gabbia, Kalulu, Romagnoli, Hauge, Maldini. All.: Pioli. 

RETI: 19′, 62′ Theo Hernandez, 26′ Kessie, 60′ Brahim Diaz, 62′, 72, 79′ Rebic

ARBITRO: Marco Guida di Torre Annunziata

AMMONITI: Baselli (T), Linetty (T) – Bennacer (M)

Continua A Leggere

Calcio

Lazio-Parma, Immobile salva l’Europa Zone

Alemanno Luca

Pubblicata

su

Lazio-Parma è stata una partita priva di emozioni peggio che guardare un acquario con 2 pesci rossi per 95 minuti di gioco e qualche spavento sia da una parte che dall’altra.

I biancocelesti partono bene con una rosa del tutto rivoluzionata e con molte seconde scelte più un Muriqi in vacanza romana. Una traversa di Luis Alberto è stata l’occasione più emozionante del comparto biancoceleste mentre 2 sono i legni dei crociati nel secondo tempo tra i quali uno interno con Strakosha spiazzato ed il secondo su una grande parata del portiere albanese che evita il tracollo di una formazione in balia del catenaccio di D’Aversa.

La 36a giornata di Serie A termina con 3 punti per la banda di Inzaghi che lasciano ancora aperto uno spiraglio per la Champions League con tutte le altre che vincono in alto ma con una matematica che non ha ancora condannato i biancocelesti. Ci pensa Ciro Immobile al 95imo minuto di gioco a siglare la rete della vittoria con un’azione agevolata da più rimpalli nella difesa a 11 ospite.

LAZIO-PARMA 1-0

Marcatore: 90’+5′ Immobile

LAZIO (3-5-2) – Strakosha; Patric (79′ Caicedo), Acerbi, Radu (57′ Luiz Felipe); Lazzari, Parolo (73′ Akpa Akpro), Cataldi (57′ Escalante), Luis Alberto, Fares; Immobile, Muriqi (57′ Correa)

A disp.: Reina, Alia, Marusic, Lulic

All.: Simone Inzaghi

PARMA (5-3-2) – Sepe; Busi, Dierckx, Bani (84′ Osorio), Valenti, Gagliolo (62′ Laurini); Sohm (84′ Grassi), Hernani, Kurtic; Brunetta (83′ Traore), Pellè (73′ Cornelius)

A disp.: Colombi, Rinaldi, Alves, Balogh, Zagaritis, Camara

All.: Roberto D’Aversa

Arbitro: Federico Dionisi (sez. L’Aquila)

Assistenti: Sechi – Avalos 

IV uomo: Giua

V.A.R.: Piccinini 

A.V.A.R.Passeri

NOTE. Ammoniti: 10′ Brunetta (P), 92’+2′ Hernani (P)

Recupero: 2′ pt, 5′ st

Serie A TIM 2020-2021 | 36ª giornata

Mercoledì 12 maggio 2021, ore 20:45

Stadio Olimpico di Roma 

Continua A Leggere

Post In Tendenza