Connettiti con noi

Calcio

Serie A: Al Vigorito non c’è partita! L’Inter ne fa 5 al Benevento.

Alessandro Gattulli

Pubblicata

su

Il Benevento ospita l’Inter nel recupero della prima giornata.

Inzaghi, dopo aver vinto in rimonta contro la Sampdoria, conferma il 4-3-3 con Insigne, Caprari e Moncini a formare il tridente.

Conte cambia metà formazione rispetto alla partita contro la Fiorentina e manda in campo Hakimi, Sanchez e Vidal dal primo minuto.

I nerazzurri passano dopo pochi secondi con un gran lancio di Kolarov che trova Hakimi, il marocchino mette in mezzo dove trova Lukaku che fa 1-0.

L’Inter continua a dominare il campo e al 25′ trova il raddoppio con Gagliardini che trova una bella conclusione sull’assist di Young.

Dopo pochi minuti Lukaku cala il sipario sul match trovando il 3-0, sfruttando un orribile passaggio rasoterra di Montipò.

Le Streghe riescono ad alzare la testa e trovano il gol della bandiera con Caprari. L’ex Sampdoria insacca da fuori dopo un regalo di Handanovic che sbaglia il disimpegno.

Sul finire della prima frazione c’è spazio anche per il primo gol di Hakimi in maglia nerazzurra. L’ex Real Madrid scippa palla a un addormentato Letizia e da pochi passi non può sbagliare.

Nel secondo tempo entra anche Lautaro Martinez tra le fila meneghine e dopo 6 minuti dal suo ingresso in campo trova il 5-1 con una bella conclusione da fuori.

Sul finire di gara il Benevento accorcia le distanze e trova il secondo gol, sempre con Caprari.

L’Inter, lanciatissima, vince ancora senza grandi difficoltà, il Benevento, nonostante i gol subiti, dimostra di potersi giocare le sue carte in ottica salvezza.

Tabellino

BENEVENTO: (4-3-3): Montipò 4; Maggio 4,5 (46′ Foulon 5,5) , Glik 4,5, Caldirola 4,5, Barba 5 (37′ Letizia 4,5); Ionita 5,5; Schiattarella 5,5; Dabo 6 (70′ Hetemaj 6); Insigne 5,5 (46′ Tuia 5), Moncini 5,5 (63′ Lapadula 6), Caprari 7.

A disp.:Gori; Sau; Iago Falquè; Manfredini; Del Pinto; Improta; Di Serio.

All.: Filippo Inzaghi

INTER: (3-5-2): Handanovic 5; Skriniar 6, De Vrij 6, Kolarov 6; Hakimi 8, Vidal 7 (7′ st Barella 6), Gagliardini 7 (36′ st Eriksen 6,5), Young 6,5 (20′ st Perisic 5); Sensi 6,5 (20′ st Brozovic 6); Sanchez 7, Lukaku 7,5 (20′ st Lautaro 7).

All.: Antonio Conte

Arbitro: Marco Piccinini

Ammoniti: Schiattarella (B).

Continua A Leggere

Calcio Femminile

Serie A F: Vincono Fiorentina Juventus e Milan

Avatar

Pubblicata

su

La Domenica di Serie A testimonia il gran momento di forma di Juventus, Milan e Fiorentina. Impegnate rispettivamente con Hellas Verona e Florentia la capolista e l’inseguitrice dominano le loro avversarie. Le bianconere stendono per 5 reti a 0 le gialloblu, mentre le rossonere passano per 2 reti a 1. Il match nelle mura nerazzurre dell’Inter termina per 2 gol a 3.

INTERFIORENTINA. L’Inter vuole riavvicinarsi alla Roma ma soprattutto allontanarsi dalle parti medio-basse della classifica. Le viola sono determinate a continuare la striscia positiva. Le nerazzurre partono subito bene. Il gol del vantaggio è segnato nella primissima azione da Marinelli al primissimo minuto. Il match è molto combattuto e le due squadre mantengono un ritmo-partita sostenuto. Il gol del pareggio arriva dai piedi di Adani alla mezzora. Nel secondo tempo la Fiorentina si porta in vantaggio con Sabatino su calcio di rigore ma le nerazzurre non si arrendono e Tarenzi al 78esimo minuto acciuffa il momentaneo pareggio. Ci pensa Middag agli sgoccioli a regalare tre punti agli ospiti.

JUVENTUSHELLAS VERONA. Le campionesse in carica dominano il match dilagando per 5 reti a 0. Hurtig è la prima a gonfiare la rete gialloblu. Pedersen raddoppia e Girelli sigla il 3-0 su calcio di rigore. Bonansea da cross raccoglie la palla in aria e da due passi non sbaglia. La Juventus impiega 37 minuti per calare il poker. Nella seconda frazione di gioco Zamanian con un tiro dal limite gonfia la rete sotto gli incroci. Nulla da fare per l’Hellas.

FLORENTIAMILAN. Il Milan per rimanere sulla scia bianconera ha il dovere di portare a casa una vittoria. Ci pensa Giacinti con una doppietta. Le toscane sullo 0-1 riacciuffano il momentaneo pareggio con Anghileri.

FOCUS LAZIO: le biancocelesti hanno come obiettivo la promozione in A per la prossima stagione. Il presidente Claudio Lotito ha rafforzato la squadra con due innesti. Si tratta di Camilla Labate ex Sassuolo e Roma e Corinna Luijks proveniente dallo Zulte Waregem. La formazione di Seleman è l’unica ancora imbattuta nella Serie B grazie anche alle reti di Martin ma la partita odierna contro il Pontedera termina in parità. In classifica la Lazio occupa la terza posizione con 21 punti a soli 5 lunghezze dal primo posto occupato dal Pomigliano.

CLASSIFICA SERIE A RITORNO PRIMA GIORNATA

JUVENTUS 36

MILAN 33

SASSUOLO 25

EMPOLI LADIES 20

FIORENTINA 20

ROMA 19

FLORENTIA 16

INTER 14

HELLAS VERONA 10

SAN MARINO 8

NAPOLI 4

PINK BARI 3

Continua A Leggere

Calcio

La Sampdoria supera il Parma

Avatar

Pubblicata

su

Ranieri si conferma come allenatore buono per tutte le stagioni, con la sua Sampdoria riesce a portare a casa l’ennesimo risultato positivo in una stagione tutt’altro che negativa, purtroppo però questo discorso non si può fare per il Parma che anche se con un nuovo allenatore, continua la serie di risultati negativi che continuano a stringerla a fondo classifica, condannandola sempre più alla retrocessione in serie b.

La Sampdoria domina il gioco e conclude il Match nel primo tempo

Nel primo tempo la partita è sicuramente vissuta, con un possesso palla che non si muove dalla linea della parità il Parma cerca a tutti i costi di portare a casa il risultato che potrebbe aiutarla a tenere viva la classifica, dal canto suo la Sampdoria ha sicuramente fame di risultati e di continuare la sua serie che quest’anno gli ha permesso di essere esattamente a metà classifica, un risultato importante per una squadra operaia che ha sicuramente dalla sua calciatori d’esperienza e giovani promettenti.

Nel primo tempo arrivano i primi due gol del match, al 25′ infatti è Maya Yoshida a realizzare il gol che apre il tabellino con un sinistro che affossa la porta di Sepe, portando avanti cosi la Sampdoria.

Non passano 10 minuti che è Keita a siglare il gol del 2 a 0, assist di Ramirez che appoggia in aria il pallone e permette a Keita di infilare la porta di Sepe con un sinistro netto e preciso.

Il primo tempo si chiude cosi tra qualche occasione mancata e un Parma che tenta a tutti i costi di riaprire la partita per riuscire a strappare anche un solo punto ma importantissimo.

Nel secondo tempo della partita, il Parma prova l’assalto ma molte azioni si stampano contro la difesa di Ranieri che riesce ad assorbire tutte le azioni offensive da parte della squadra di Mister D’Aversa.

Nel finale, segnaliamo l’arrembaggio del Parma che cerca in tutti i modi di passare la porta di Audero ma senza successo, chiudendo cosi il Match sullo 2 a 0 per la squadra Doriana.

Pagelle

Keita 7: Sicuramente uno dei migliori della sua squadra, si batte e trova anche il gol nel primo tempo, classe e forza gli consentono di fare un match quasi perfetto.

Sepe 6,5: Incassa due gol ma sicuramente ne sventa altrettanti, incolpevole sui gol, prova in tutti i modi a non far peggiorare la situazione.

Kucka 6,5: Ci crede, continua a combattere per provare a portare a casa il risultato ma il tabellino e la sfortuna questa volta non gli consentono di modificare il risultato della partita.

IL Tabellino di Parma Sampdoria

Parma-Sampdoria 0-2

Parma (4-3-3): Sepe 6,5; Conti 6, Iacoponi 5, Gagliolo 5,5, Pezzella 6,5 (41′ st Ricci sv); Grassi 5,5 (21′ st Brugman 6), Hernani 4,5 (1′ st Karamoh 5 (35′ st Mihaila sv)), Kurtic 6; Kucka 6,5, Cornelius 5, Gervinho 5,5.
Allenatore: D’Aversa 5,5

Sampdoria (4-3-1-2): Audero 6,5; Bereszynski 6, Yoshida 6,5, Colley 6,5, Augello 6,5; Candreva 6,5 (37′ st Jankto sv), Silva 7 (37′ st Ekdal sv), Thorsby 6; Ramirez 6,5 (25′ st Verre 6,5); Keita 7 (13′ st Damsgaard 6,5) , Quagliarella 6 (25′ st Torregrossa 6).

Allenatore: Ranieri 6,5
Arbitro: Manganiello
Marcatori: 25′ Yoshida (S), 34′ Keita (S)
Ammoniti: Kucka (P), Keita (S)
Espulsi: –

Continua A Leggere

Calcio

Serie A: Lazio-Sassuolo rimonta biancoceleste!

Alemanno Luca

Pubblicata

su

Serviva una vittoria per Simone Inzaghi in Lazio-Sassuolo per agganciare momentaneamente il Napoli in classifica dove i partenopei hanno perso contro il Verona e devono disputare ancora un match (rinviato). Obiettivo raggiunto per i biancocelesti che superano in casa la squadra di De Zerbi in uno scontro quasi diretto dove la Lazio sale a quota 34 punti al settimo posto mentre il Sassuolo resta a quota 30 punti alla nona posizione.

Il Match Lazio-Sassuolo

Partita che inizia subito all’insegna degli ospiti che mettono in difficoltà la squadra di casa nei primissimi minuti di gioco con un palleggio e gioco veloce non facile da tenere a bada. Dopo 3 occasioni pericolose per la squadra di De Zerbi, arriva il gol di Caputo dopo solamente 6 minuti di gioco.

Alla metà della prima frazione però la prima squadra della capitale non viene tramortita ma prende atto che il match va pareggiato per poi vincerlo. Dopo 6 corner arriva la zuccata di Milinkovic Savic al 25esimo minuto di gioco siglando il pareggio.

Nella seconda frazione di gioco sempre a ritmi alti i padroni di casa sono bravi a difendere impostando bene anche le azioni offensive fino ad arrivare al gol di Ciro Immobile su assist di Adam Marusic al settantacinquesimo minuto di gioco. Spreca nello scadere Escalante da distanza ravvicinata, subentrato da poco al posto di Lucas Leiva.

LAZIO-SASSUOLO 2-1

Marcatore: 6′ Caputo (S), 25′ Milinkovic (L), 72′ Immobile (L)

LAZIO (3-5-2): Reina 6; Patric 6 (67′ Parolo 6 ), Acerbi 6.5, Radu 6.5; Lazzari 6.5 (75′ Lulic sv), Milinkovic-Savic 8, Leiva 7 (75′ Escalante 5), Akpa Akpro 6.5, Marusic; Correa 6 (67′ Caicedo 6.5), Immobile 7 (86′ Muriqi sv).

A disp.: Alia, Furlanetto, Armini, Hoedt, Fares, Czyz, Pereira.

All.: Simone Inzaghi 7.5.

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli 6.5; Muldur 6.5 (90′ Raspadori sv ), Ferrari 6.5, Marlon 6, Rogerio 5.5; Locatelli 5, Obiang 5.5 (76′ Lopez sv); Traore 6.5 (76′ Boga sv), Djuricic 7, Defrel 6.5(46′ Haraslin 6.5); Caputo 7.

A disp.: Pegolo, Turati, Ayhan, Peluso, Kyriakopoulos, Magnanelli, Oddei. 

All.: Roberto De Zerbi 6.5.

Arbitro: Antonio Giua (sez. di Olbia)

Assistenti: Peretti, Carbone

IV uomo: Abbattista

V.A.R.: Guida

A.V.A.R.: Tolfo

NOTE. Ammoniti: 59′ Patric (L), 65′ Marlon (S), 68′ Obiang (S), 75′ Leiva (L), 92′ Ferrari (S)

Recupero: 1′ pt, 3′ st

Serie A TIM 2020-2021 | 19ª giornata

Domenica 24 gennaio 2021, ore 18:00

Stadio Olimpico di Roma

Continua A Leggere

Post In Tendenza