Connettiti con noi

Calcio

PuntoLiga: le Cappelle Sistine di Ter Stegen e Bono (riepilogo e Highlights)

Avatar

Pubblicata

su

Vediamo insieme di riepilogare la scorsa giornata della Liga.

Athletic Bilbao-Celta Vigo: 0-2

Prestazione poco concreta dei baschi in casa propria, che non mettono mai in difficoltà il Celta. Non si può certo dire il contrario, visto che nel secondo tempo Mallo e Aspas segnano i gol vittoria.

Levante-Getafe: 3-0

I padroni di casa asfaltano il Getafe. Dopo cinque minuti trovano il vantaggio, ed al 7′ si ritrovano anche in 11 vs 10 per una follia di Chema. Dopo poco arriva il raddoppio, e nel secondo il terzo gol che chiude il match. Match che terminerà col Getafe in 9. Giornata da dimenticare per loro.

Siviglia-Real Madrid: 0-1

Real Madrid va in Andalusia e domina per un’ora intera, trovando il gol dopo un’errore a dir poco grossolano di Bono, l’estremo difensore sivigliese. Siviglia che si sveglia dal letargo solo dopo il gol, senza trovare il pareggio.

Cadice-Barcellona: 2-1

Il Barcellona, o meglio, Messi ce la mette tutta per far girare i catalani, ma miracoli non può più farne tanti. In svantaggio, nel secondo tempo il Barça trova il pari per un autogol, ma Ter Stegen rovina tutto con una disattenzione che costa ai suoi una sconfitta.

Atletico Madrid-Real Valladolid: 2-0

Atletico Madrid che non si ferma, e con l’ennesima rete inviolata vince l’ennesimo match. Dopo un primo tempo poco pimpante, nella ripresa Lemar e Marcos Llorente (che sfiora pure la doppietta) regalano i tre punti ai Materassari.

Granada-Huesca: 3-3

Rimonta pazzissima del Granada. Sull’1-1, l’Huesca nella ripresa passa sopra di due gol, il cui ultimo da cineteca con Okazaki che schiucchiaia da oltre trenta metri col portiere a farfalle. Negli ultimi due minuti, i padroni di casa evitano la disfatta quasi inevitabile.

Osasuna-Real Betis: 0-2

L’Osasuna si barrica in difesa, e funzioa anche bene, fino all’ultimo quarto d’ora più recupero della ripresa, quando il Betis riesce a segnare non solo il gol del vantaggio dopo un contropiede, ma anche a chiudere una partita a senso unico, con un secondo gol.

Villareal-Elche: 0-0

Partita perfetta per curare l’insonnia, Villareal ed Elche forniscono una prestazione sottotono, anche se perlomeno i padroni di casa hanno provato a segnare.

Deportivo Alavès-Real Sociedad: 0-0

Medesimo risultato, ma tutt’altra partita rispetto a quella precedentemente descritta. Squadre che in una maniera o nell’altra si sono equivalse sul campo, senza segnare, ma non facendo mancare un po’ di spettacolo.

Eibar-Valencia: 0-0

Pareggio giusto. Due squadre offensivamente poco producenti, con i portieri che hanno messo quelle poche, ma necessarie pezze per evitare la sconfitta alle rispettive squadre.

Continua A Leggere

Calcio

Nesto-Gol. L’Udinese batte la Fiorentina 1-0

Avatar

Pubblicata

su

Decide Nestorovski al ‘86, dopo una partita di attesa sia da parte dell’Udinese che  dalla Fiorentina. 

Tabellino e Marcatori 

UDINESE (3-5-2): Musso 6; Becao 6 Nuytinck 6,5 Bonifazi 6; Molina N. 6 (90′ De Maio), De Paul 7, Walace 6, Makengo 6 (70′ Arslan), Stryger Larsen 6,5; Llorente (77′ Braaf) 5,Nestorovski 7. All. Gotti

FIORENTINA (3-5-2): Dragowski 6, Milenkovic 5, Pezzella Ger. 6 (88′ Montiel), Martinez Quarta 5,5 ; Malcuit 6 (79′ Caceres), Eysseric 6 (88′ Borja Valero), Pulgar 6, Castrovilli  6(79′ Amrabat), Biraghi 6; Ribery  6(68′ Kokorin), Vlahovic 5,5. All. Prandelli

Marcatori: ‘86 Nestorovski 

Partita molto attendista da parte delle due squadre, con l’obiettivo principale di non farsi male, sia al cospetto della classifica, sia per la portata del rispettivo avversario. Vlahovic e Ribery le maggiori spine ne fianco nella difesa friulana, Llorente lavora di sponda, ma poco incisivo nella manovra  

Nel secondo tempo invece la partita diventa più divertente, si alzano i ritmi, anche se, succede ben poco. Filtrante di Ribery per Vlahovic che davanti a Musso perde l’attimo e si fa chiudere dal portiere, di risposta Braaf serve Arslan ma la palla è alta. De Paul pennella al bacio di prima, Milenkovic inconcludente e Nestorovski in rete dal limite dell’area piccola.

Continua A Leggere

Milan

Roma Milan , i rossoneri espugnano l’Olimpico.

Gabriele Tavacca

Pubblicata

su

Milan +3 all'Olimpico

Il club rossonero è uscito vittorioso nel match che li vedeva affrontare la Roma di Fonseca.

L’ultimo match che chiude la 24′ giornata vede un Milan che si riprende mentalmente dalle brutte prestazione tra campionato ed Europa League.

Gli uomini di Pioli chiudono il mese di Febbraio con una importantissima vittoria per continuare il loro cammino. Ad aprire il match ci pensa il solito Frank Kessie su rigore , ormai una garanzia.

Prima del suo gol però il Milan era già partito con una marcia diversa infatti si vede annullare 2 gol per azione irregolare causata da Fuorigioco.

A fine primo tempo il club rossonero va negli spogliatoi in vantaggio ma questo dura poco perchè al minuto 50′ Jordan Veretout con un gran tiro buca la porta difesa da Donnarumma.

Subito dopo aver subito il gol il Milan perde 2 tasselli fondamentali , uno è calhanoglu che esce per infortunio e subito dopo lo segue in panchina Zlatan Ibrahimovic che anche lui esce per infortunio.

Al minuto 58′ Ante Rebic su assist di Salaemakers sigla un gran gol di potenza con il mancino.

Proprio Rebic però dopo pochi minuti dovrà lasciare il campo per infortunio.

Dal minuto 58′ al 95′ si seguono molte azioni interessanti ma il risultato ormai era scritto fin da 30 minuti dallo scadere. Il Milan porta a casa 3 punti importantissimi per la classifica e per il morale.

Il Milan ora si ritroverà ad affrontare l’Udinese e rimarrà in ansia per sapere l’esito degli infortuni dei suoi top player.

È stata una partita giocata su ritmi alti . Il Milan è partito a razzo andando più volte vicino al gol . Poi è stato il tempo della Roma, Mkhitaryan poco attento che si trova davanti Donnarumma che blocca le sue conclusioni . Sul finire del primo tempo il pestone di Fazio su Calabria che ha mandato Kessie sul dischetto .

La Roma ha ricominciato alla grande la ripresa segnando con Veretout (10° gol in stagione) . I padroni di casa ci hanno provato a rimettere il match dalla loro parte , ma sono stati poco lucidi sotto porta. Si è sentita l’assenza di Dzeko fuori per affaticamento muscolare. Mayoral non si è fatto praticamente sentire. Pedro ed El Shaarawy, entrati nella ripresa, non hanno inciso. Il tecnico portoghese fa fatica a cambiare la rotta del campionato.

Alla prossima giornata il club giallorosso si troverà ad affrontare la Fiorentina.

IL TABELLINO

ROMA-MILAN 1-2
Roma (3-4-2-1):
 Lopez 5,5; Mancini 5,5, Cristante 6, Fazio 5 (17′ st Bruno Peres 5); Karsdorp 5, Villar 5 (25′ st El Shaarawy 6), Veretout 7 (34′ st Diawara sv), Spinazzola 6,5; Pellegrini 5,5, Mkhitaryan 6; Mayoral 5 (34′ st Pedro sv). A disp.: Mirante, Fuzato, Juan Jesus, Kumbulla, Perez, Pastore.

All.: Fonseca 5.


Milan (4-2-3-1): G. Donnarumma 6,5; Calabria 6,5, Tomori 7, Kjaer 6,5, Hernandez 7; Tonali 6,5 (38′ st Meite sv), Kessie 7; Saelemaekers 6,5 (38′ st Castillejo sv), Calhanoglu 5,5 (1′ st Diaz 5,5), Rebic 7,5 (22′ st Krunic 6,5); Ibrahimovic 5,5 (11′ st Leao 6). A disp.: Tatarusanu, A. Donnarumma, Dalot, Romagnoli, Kalulu, Gabbia, Hauge.

All.: Pioli 6,5.
Arbitro: Guida


Marcatori: 43′ rig. Kessie (M), 5′ st Veretout (R), 13′ st Rebic (M)
Ammoniti: Fazio, Mkhitaryan, Pellegrini (R); Saelemaekers, Calabria, Castillejo (M)
Espulsi: nessuno

VOTI

ROMA (3-4-2-1): Pau López 7; Mancini 6, Cristante 6, Fazio 5,5 (62′ Bruno Peres 5,5); Karsdorp 6, Villar 5 (70′ El Shaarawy 5,5), Veretout 6,5 (79′ Diawara 5,5), Spinazzola 6; Lo. Pellegrini 6, Mkhitaryan 6; Mayoral 5,5 (79′ Pedro 5).

 Allenatore: Fonseca 5,5.

MILAN (4-2-3-1): G. Donnarumma 6,5; Calabria 6,5, Kjær 6, Tomori 6,5, Theo Hernández 6,5; Tonali 6 (82′ Meité 6), Kessié 6,5; Saelemaekers 7 (82′ Castillejo 5,5), Çalhanoğlu 6 (45′ Brahim Diaz 6), Rebić 7,5 (66′ Krunic 6); Ibrahimović 6 (56′ Rafael Leao 6).

 Allenatore: Pioli 7.

MIGLIORI IN CAMPO:

Veretout , Kessie , SAelemaekers.

PEGGIORI IN CAMPO:

Pedro, Villar, Castillejo.

Continua A Leggere

Calcio Femminile

SERIE A F: PER LO SCUDETTO E’ SFIDA A DUE

Avatar

Pubblicata

su

Dopo la qualificazione dell’Italia ad Euro 2022, la Serie A Femminile si riprende il palcoscenico con la quattordicesima giornata. Milan e Juventus con le loro vittorie incrementano l’attesa per il big-match del prossimo weekend. Le rossonere sono solo a 3 lunghezze dalle campionesse in carica e quindi, se il club guidato da Maurizio Ganz dovesse vincere, riaprirebbe la lotta scudetto.

Il netto 6-1 rifilato alla Pink Bari nella giornata di ieri ha il sapore di avvertimento: il Milan c’è. Il gol in apertura di Bergamaschi, la doppietta di Giacinti, la rete di Dowie e le ultime due perle di Hasegawa non lasciano speranze alle pugliesi. Helmwall sigla l’unico gol per la squadra di casa.

La Juventus è chiamata ad una risposta sul campo. Guarino, fresca del rinnovo contrattuale con durata 2022, si affida al tridente Hurtig-Girelli-Bonansea. L’avversario non è ostico. Il San Marino ci mette anche del suo con un autogol di Montalti regalando alle bianconere una situazione ottimale per controllare il vantaggio e chiudere la partita proprio con Hurtig e Girelli. Il risultato finale è quindi 1-3.

Altra partita della Domenica è quella tra Roma ed Empoli. Le giallorosse tengono bene il campo e rendono vana ogni ripartenza delle toscane. Il merito è anche di Giugliano protagonista in entrambi i gol con cui si è chiusa la partita; nell’azione del primo gol, raccoglie a centrocampo il pallone da Serturini, lancia Alves che con un passaggio filtrante libera Thomas la quale vede in aria Lazaro che di testa insacca dietro le spalle di Capelletti. Il secondo gol arriva proprio dai piedi della numero 10 dopo un’incursione nella metà campo avversaria. Il suo tiro ben calibrato gonfia l’angolino.

LE ALTRE PARTITE: Il Sassuolo batte il Napoli fuori casa per una rete a zero. L’avversario è diventato ostico per ogni squadra della competizione a causa del suo obiettivo stagionale. La salvezza. Il gol neroverde arriva nella ripresa dai piedi di Santoro. Stesso punteggio per l’Inter che porta a casa i tre punti contro l’Hellas Verona grazie ad Ilaria Mauro. La Fiorentina esce sconfitta dal Derby contro la Florentia. Le ospiti subiscono un netto 2-0. I gol sono di Cantore e Cecilia Re.

CLASSIFICA SERIE A FEMMINILE

JUVENTUS 42

MILAN 39

SASSUOLO 31

ROMA 25

FIORENTINA 23

FLORENTIA 22

EMPOLI 20

INTER 17

HELLAS VERONA 10

SAN MARINO 8

NAPOLI FEMMINILE 4

PINK BARI 3

Continua A Leggere

Post In Tendenza