Connettiti con noi

F1

Lewis Hamilton vince a Barcellona, secondo Max. Ottimo 4° posto per Leclerc, 7° Sainz

Pubblicata

su

Sul circuito del Montmelò Lewis Hamilton si aggiudica il quarto appuntamento del mondiale di Formula1, davanti a Max Verstappen e terzo Valtteri Bottas. Hamilton che partiva per la centesima pole position in carriera.

Hamilton vince, davanti a Max Verstappen, 3° Bottas, 4° Leclerc, 5° Perez, 6° Ricciardo, 7° Sainz, 8° Norris, 9° Ocon, 10° Gasly fuori dai punti, 11° Stroll, 12 ° Raikkonen, 13° Vettel, 14° Russel, 15° Giovinazzi, 16° Latifi, 17 ° Alonso, 18 ° Schumacher, 19° Mazepin, ritirato Tsunoda.

RESOCONTO DELLA GARA



Verstappen attacca subito il campione del mondo in carica, conquistando la prima posizione al via, anche il monegasco Charles Leclerc conquista la terza piazza, bruciando Valtteri Bottas.
Dietro Ricciardo e Perez prendono la posizione, nei confronti di Esteban Ocon, poi Sainz, Norris e Fernando Alonso.

Verstappen prende subito il vuoto nei confronti di Hamilton, segnando subito il miglior tempo in pista.
Al quarto giro, Pierre Gasly viene messo sotto investigazione da parte dei direttori di gara, perché in partenza si è posizionato più avanti rispetto alla casella di partenza.
Mick Schumacher conquista al sesto giro la posizione anche nei confronti di George Russel, in lotta per la diciottesima posizione, al giro 8 si restituiscono la posizione, mentre Bottas comincia a mettere pressione nei confronti di Charles Leclerc.

In curva 10 Yuki Tsunoda abbandona la gara, per un problema elettrico alla sua Alpha Tauri, entra in pista la Safety car, sosta ai box per il nostro Antonio Giovinazzi, con l’ennesima sfortuna in gara, al momento del cambio gomme, l’anteriore sinistra era sgonfia, perciò ha perso tempo, fortunatamente si è dovuto solo riaccodare al gruppo.

Alla ripartenza posizioni congelate nei primi posti, mentre Lance Stroll attacca Fernando Alonso che guadagna la posizione sul Campione Spagnolo, mentre i direttori di gara, infliggono 5 secondi di penalità a Pierre Gasly.

Leclerc riesce a difendere la terza piazza nei confronti della seconda guida Mercedes, con Max Verstappen che mantiene il secondo di vantaggio su Lewis Hamilton, sfavorito nel possibile undercut.

Cambio gomme in simultanea tra Fernando Alonso e Sebastian Vettel, le posizioni non mutano tra i due, però rientrano in pista nella morsa di Pierre Gasly.

Verstappen nel cambio gomme perde tempo con la posteriore sinistra perché il meccanico non era posizionato, possibilità di Hamilton andare davanti all’olandese, con il Team Radio ti Toto Wolff che chiede alla federazione l’esposizione delle bandiere perché stanno ostacolando Lewis Hamilton.

Al giro 29 Verstappen riprende la testa della gara, dopo il pit-stop di Hamilton però al 31 passaggio segna il la miglior prestazione in pista, in pochi passaggi ingaggiano il duello, sia per la gara, sia per il duello mondiale.

Al giro 43 Hamilton cambia strategia con un pit stop, dovuto anche all’alto degrado delle gomme, cercando una super rimonta, fino all’ultimo giro, Verstappen attende per il cambio gomme.

Perez gara molto difficile, imbottigliato nella fida con Leclerc, per la lotta 4/5 posto, mentre Ricciardo oggi più veloce di Norris, che viene superato da Carlos Sainz, che guadagna una posizione anche su Ocon.

Al 54 giro Bottas al cambio gomme monta la rossa, perde la posizione su Leclerc che torna sul podio, mentre negli ultimi 10 giri, si apre la sfida tra Verstappen e Hamilton che non hanno doppiati tra loro.
1:20.091 il miglior tempo della gara di Bottas, si mette sulla scia di Leclerc e lo supera al giro 57.

Perez al 58 entra ai box per mettere gomma rossa, per tentare il punto addizionale, risponde anche Leclerc con il cambio gomme.

Al giro 60 Hamilton riesce a superare Verstappen, completando la rimonta, l’olandese rientra quindi ai box, cercando e riuscendo a guadagnare il punto per il miglior giro

Nel finale Fernando Alonso e Lance Stroll ingaggiano il duello, Stroll perde la posizione uscendo fuori pista, e Fernando tocca il canadese, perdendo posizioni anche su Raikkonen e Vettel

Continua A Leggere

F1

Sergio Perez vince a Baku, out Hamilton e Verstappen

Pubblicata

su

Finale clamoroso sul cittadino di Baku, dove Sergio Perez trova il suo secondo successo in carriera, il primo targato Red Bull, secondo Vettel terzo Gasly.

Una gara sempre divertente e imprevedibile quella di Baku, stavolta esce vittorioso Sergio Perez, MVP di giornata, autore di una gara sontuosa, prima da gregario e poi meritato vincitore.

L’inizio gara vede Charles Leclerc che dopo attimi cede il passo ad Hamilton che sfrutta la potenza, ma non scappa, mentre Verstappen battaglia con Leclerc, l’olandese sfrutta un piccolo errore del moegasco, con la battaglia per il mondiale che rivede il duello tra i due capoclassifica. 

Il ballo dei pit-stop stravolge lo scenario e Vettel riesce addirittura a salire in testa, mentre il gran capolavoro della Red Bull, sfrutta una defezione ai box e qualche giro no di Hamilton per serrare le fila e piazzare Sergio Perez il seconda posizione, il messicano non rallenta la corsa di Hamilton, ma come un giocatore di NBA lo stoppa proprio, infatti gira più veloce di Verstappen diventa imprendibile per il Campione del mondo in carica.

Hamilton si lamente e chiede addirittura di cambiare strategia, perché la vittoria sembra impossibile a Baku, dove nulla è impossibile e lui lo sa, visto che ha vinto un GP a 2 giri dalla fine dopo una foratura di Bottas (2018), anche Stroll ha un super ritmo, gran bella gara per le Aston Martin.

Però al 31 giro, colpo di scena con Stroll che saluta la banda, Safety Car.

Ripartenza Verstappen davanti a tutti a 2 tornate dalla fine va a muro come Stroll, con Hamilton che ha clamorosa opportunità di tornare in testa, ma alla nuova ripartenza, stavolta dalla griglia, Perez attacca Hamilton, l’inglese si difende ma arriva lungo, con Sergio Perez che vince e Hamilton arriverà sedicesimo.

 Perez vince davanti a Vettel e Gasly, quarto Leclerc quinto Norris, sesto Alonso, settimo Tsunoda, ottavo Sainz, nono Ricciardo, decimo Raikkonen, a seguire, Giovinazzi, Bottas, Latifi, Mazepin, Mick Schumacher e ultimo Hamilton, ritiro per Russel, Verstappen, Stroll e Ocon

Continua A Leggere

F1

Capolavoro Leclerc, miglior tempo a Baku, secondo Hamilton, quinto Sainz

Pubblicata

su

Charles Leclerc ripete la prestazione magistrale di Montecarlo e conquista la seconda pole position di fila, davanti a Lewis Hamilton e Verstappen.

Una qualifica segnata dalle bandiere Rosse, sia quelle che sventolano a Maranello e sia quelle che fermano il turno di prova con la lotta al titolo mondiale ha decisamente un outsider inaspettato, Charles Leclerc, che si sta prendendo di tutto rispetto il ruolo di prima guida nelle
gerarchie del cavallino rampante.
Dopo aver conquistato il miglior tempo nello scorso appuntamento ,a casa sua, nelle impervie stradine del Principato di Monaco, il Ferrarista con un colpo da maestro incanta, nelle stradine più guidabili ma insidiose al tempo stesso di Baku, davanti al Lewis Hamilton e Max Verstappen, quarto Pierre Gasly, che in quanto a mina vagante non è da meno di Charles Leclerc e quinto invece è l’altro ferrarista Carlos Sainz, che rendono la
Ferrari la scuderia piazzata meglio in queste qualifiche, chiude la terza fila Lando Norris, quarta fila che vede gli opposti della seconda fila, settimo Sergio Perez, ottavo Yuki Tsunoda, nono Fernando Alonso e decimo Bottas.

Eliminati dalla Q2 Vettel per un soffio non replica Montecarlo poi Ocon che stavolta prende la paga dal compagno di squadra Alonso, Ricciardo, Raikkonen e Russel.

Eliminati dalla Q1 Latifi, Mick Schumacher e Mazepin mentre Stroll e Giovinazzi fuori dalle qualifiche perché a muro in curva 15

Continua A Leggere

F1

Verstappen Principe di Monaco, vittoria e testa del mondiale, Sainz 2°,giornata nera per Leclerc

Pubblicata

su

Max Verstappen vince il Gran Premio di Montecarlo, scattando davanti a tutti, dopo il problema di Leclerc, conquista la testa del mondiale, Hamilton solo 7°.

Se la fortuna è cieca, la sfiga ci vede benissimo, se non arriva la penalità, perché Charles Leclerc non danneggia il cambio, ha un problema uscendo dai box, per posizionarsi nella casella della pole position, non riesce nemmeno a partite dai box, perciò ritirato prima della partenza.

Resconto della gara

Max Verstappen parte davanti a tutti, difendendo la prima posizione, su Bottas, poi Sainz con l’unica Ferrari rimasta e Norris, Gasly e Hamilton.

L’olandese è un martello, l’unico che riesce a tenere il ritmo è Bottas, mentre gli altri registrano distacchi importanti.
Gara che va avanti fino al momento del cambio gomme, che vede Lewis Hamilton primo nei pit-stop con gomme dure, mentre clamoroso problema per Bottas nel giro successivo, durante al cambio gomme, anteriore destra bloccata, mentre Vettel conquista due posizioni su Gasly e Hamilton mentre Perez riesce a conquistare 4 posizioni durante la sostituzione delle gomme.

Verstappen continua la sua marcia trionfale, trovando per la prima volta in carriera la testa del mondiale, 2° Sainz, 3° Norris, 4° Perez, 5° Vettel, 6° Gasly, 7° Hamilton, 8° Stroll, 9°Ocon, 10° Giovinazzi, fuori dalla zona punti, 11° Kimi Raikkonen, 12° Ricciardo, 13° Alonso, 14° Russel, 15° Latifi, 16° Tsunoda, 17° Mazepin , 18° Mick Schumacher

Continua A Leggere

Gli Ultimi Articoli

Post In Tendenza