Connettiti con noi

Atalanta

Serie A: L’Inter erge il muro e l’Atalanta ci va a sbattere.

Alessandro Gattulli

Pubblicata

su

Big match tra Inter e Atalanta, due squadre super in forma che si trovano rispettivamente prima e quarta in classifica.

Conte fa un solo cambio rispetto alla solito formazione con Vidal che ritorna dal primo minuto al posto di Eriksen.

Gasperini a sorpresa fa partire dalla panchina Muriel e lancia Malinovskiy da titolare.

Primo tempo

Nella prima frazione le emozioni sono davvero poche con gli ospiti che vanno vicini al vantaggio con Zapata che di testa incorna dopo un calcio d’angolo ma Handanovic è bravo a opporsi.

Per l’Inter l’unica potenziale occasione è arrivata con Lukaku ma Djimsiti è fenomenale a recuperare sul belga e ad opporsi.

L’Atalanta ha in mano il pallino del gioco e sembra essere in controllo del match, l’Inter fatica molto a costruire, anche grazie alla pressione dei bergamaschi che non fanno uscire i padroni di casa in modo pulito.

Secondo tempo

Nella ripresa l’Inter, un po’ a sorpresa si porta in vantaggio. Sugli sviluppi di corner Bastoni allunga la palla per Skriniar che, dall’altezza del dischetto, mette la palla nell’angolino per l’1-0.

Gasperini per provare a riagguantare il pareggio stravolge la squadra, e inserisce tutti i suoi giocatori offensivi. La retroguardia milanese alza però il muro e i giocatori bergamaschi faticano a creare limpide occasioni da gol.

Vittoria fondamentale per gli uomini di Conte che tengono a debita distanza le inseguitrici e vincono una partita complicatissima. Dall’altra parte Gasperini aveva preparato in modo magistrale la fase difensiva, riuscendo ad annullare Lukaku, ma questo non è bastato.

Tabellino

INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, A. Bastoni (40′ st D’Ambrosio); Hakimi, Barella, Brozovic (32′ st Gagliardini), Vidal (8′ st Eriksen), Perisic (40′ st Darmian); Lukaku, Lautaro Martinez (32′ st Sanchez). A disposizione: Radu, Vecino, Kolarov, Sensi, Ranocchia, Young, Pinamonti. Allenatore: Antonio Conte.

ATALANTA (3-4-2-1): Sportiello; Toloi, Romero, Djimsiti (36′ st Palomino); Maehle, Freuler (36′ st Pasalic), De Roon, Gosens; Pessina (28′ st Miranchuk), Malinovskyi (1′ st Ilicic), D. Zapata (25′ st Muriel). A disposizione: Rossi, Gollini, Lammers, Caldara, Kovalenko, Ruggeri, Ghislandi. Allenatore: Gian Piero Gasperini.

ARBITRO: Mariani di Aprilia.

MARCATORI: 9′ st Skriniar (I)

NOTE: Ammoniti: Conte (I); Romero (A). Recupero: 1′ pt, 4′ st. 

Pagelle

Skriniar 7,5: Nel primo tempo fatica un po’ a contenere Zapata ma nel secondo non lascia passare neanche una mosca e segna il gol vittoria.

Djimsiti 7: Uno dei pochi a riuscire a contenere Romelu Lukaku in questa stagione, prestazione sontuosa.

Handanovic 7: Nel momento del bisogno c’è sempre, non fa tante parate ma le poche che fa hanno un coefficiente di difficoltà altissimo.

Continua A Leggere

Atalanta

Atalanta-Benevento 2-0: Dea con un piede in Champions

Giorgio Bombonato

Pubblicata

su

Vittoria sicura e da grande squadra quella della Dea sul proprio campo contro un Benevento sempre più indirizzato verso un ritorno in cadetteria.

Un gol per tempo per i nerazzurri che la sbloccano con il 22esimo gol stagionale di Luis Muriel in questa Serie A servito in maniera impeccabile dal solito Malinovskyi, vera arma in più dei bergamaschi in questo finale di stagione.

Nel secondo tempo i padroni di casa gestiscono senza forzare il ritmo di gioco e riuscendo anche a raddoppiare al 67’ con Pasalic.

Streghe che hanno dimostrato di non poter competere neanche sul piano dell’intensità nonostante la salvezza in bilico (e che ora sembra veramente utopia).
D’altro canto l’Atalanta si conferma meritatamente come la seconda forza del nostro campionato e si trova sempre più vicina alla terza storica qualificazione consecutiva alla Champions League.

Pagelle

Atalanta
Gollini: S.V.
Hateboer: 6.5
Romero: 7
Palomino: 6.5
Malinovskyi: 6.5 ( dal 59’ Pasalic 7)
De Roon: 6.5
Freuler: 6
Gosens: 5.5 ( dal 59’ Djimsiti 6)
Muriel: 7 (dal 66’ Miranchuk 6)
Pessina: 6 ( dal 59’ Ilicic 5.5)
Zapata: 6.5 ( dal 89’ Lammers S.V.)

Benevento
Montipó: 5.5
Tuia: 5.5
Glik: 5
Caldirola: 4
Barba: 5.5 (dal 73’ Depaoli 6)
Dabo: 6 (dal 85’ Tello S.V.)
Viola: 5 ( dal 58’ Ionita 5.5)
Hetemaj: 6 ( dal 73’ Depaoli 5.5)
Lapadula: 4.5
Improta: 5.5
Gaich: 5 ( dal 58’ Caprari 6)

Continua A Leggere

Atalanta

Atalanta-Benevento 2-0: Dea con un piede in Champions

Giorgio Bombonato

Pubblicata

su

Vittoria sicura e da grande squadra quella della Dea sul proprio campo contro un Benevento sempre più indirizzato verso un ritorno in cadetteria.

Un gol per tempo per i nerazzurri che la sbloccano con il 22esimo gol stagionale di Luis Muriel in questa Serie A servito in maniera impeccabile dal solito Malinovskyi, vera arma in più dei bergamaschi in questo finale di stagione.

Nel secondo tempo i padroni di casa gestiscono senza forzare il ritmo di gioco e riuscendo anche a raddoppiare al 67’ con Pasalic.

Streghe che hanno dimostrato di non poter competere neanche sul piano dell’intensità nonostante la salvezza in bilico (e che ora sembra veramente utopia).
D’altro canto l’Atalanta si conferma meritatamente come la seconda forza del nostro campionato e si trova sempre più vicina alla terza storica qualificazione consecutiva alla Champions League.

Pagelle

Atalanta
Gollini: S.V.
Hateboer: 6.5
Romero: 7
Palomino: 6.5
Malinovskyi: 6.5 ( dal 59’ Pasalic 7)
De Roon: 6.5
Freuler: 6
Gosens: 5.5 ( dal 59’ Djimsiti 6)
Muriel: 7 (dal 66’ Miranchuk 6)
Pessina: 6 ( dal 59’ Ilicic 5.5)
Zapata: 6.5 ( dal 89’ Lammers S.V.)

Benevento
Montipó: 5.5
Tuia: 5.5
Glik: 5
Caldirola: 4
Barba: 5.5 (dal 73’ Depaoli 6)
Dabo: 6 (dal 85’ Tello S.V.)
Viola: 5 ( dal 58’ Ionita 5.5)
Hetemaj: 6 ( dal 73’ Depaoli 5.5)
Lapadula: 4.5
Improta: 5.5
Gaich: 5 ( dal 58’ Caprari 6)

Continua A Leggere

Atalanta

L’Atalanta inforna il Parma, la Manita arriva naturale

Avatar

Pubblicata

su

Il Parma ormai retrocesso si fa asfaltare agilmente dalla squadra di Gasperini che continua la sua corsa per la zona Champions è ora in attesa della Juve si trova al secondo posto.

Partita scontata, l’Atalanta aumenta la differenza reti fatte

Nella 35.ma giornata di Serie A, la squadra di Gasperini cala la manita contro il Parma di D’Aversa che nulla può contro il carrozzone Bergamasco.

La partita è praticamente un monologo neroazzurro, non ci sono azioni degne di nota da parte del Parma

Al Tardini infatti apre le danze Malinovskyi (12′) che sblocca la gara,  Zapata centra la traversa in modo incredibile ma cosi si chiude il primo tempo, il Parma sembra non essere sceso in campo.

Nella ripresa della partita ci pensa Pessina che raddoppia (52′) e dopo venti minuti arriva il terzo gol del solito Muriel (77′) che firma una doppietta (77′ e 86′).

Nel finale di partita vanno a segno Brunetta (78′), Sohm (88′) e Miranchuk (93′). ormai il Parma retrocesso non ha potuto fare nulla per fermare il blindato Bergamasco.

IL TABELLINO
PARMA-ATALANTA 2-5
Parma (4-3-3): Sepe; Busi, Alves, Osorio, Gagliolo (35′ st Conti); Grassi (15′ st Valenti), Sohm, Kurtic; Kucka (31′ st Camara), Cornelius (31′ st Brunetta), Gervinho (15′ st Pellè).
A disp.: Colombi, Rinaldi, Balogh, Bani, Laurini, Zagaritis, Dierckx. All.: D’Aversa
Atalanta (3-4-2-1): Sportiello; Palomino, Romero, Djimsiti; Maehle, De Roon, Freuler (31′ st Pasalic), Gosens (23′ st Hateboer); Ilicic (1′ st Pessina), Malinovskyi (13′ st Miranchuk); Zapata (1′ st Muriel). 
A disp.: Gelmi, Rossi, Lammers, Caldara, Kovalenko, Ruggeri. All.:Gasperini
Arbitro: Giua
Marcatori: 12′ Malinovskyi (A), 7′ st Pessina (A), 32′ st Muriel (A), 33′ st Brunetta (P), 43′ st Sohm (P), 48′ st Miranchuk (A)
Ammoniti: Grassi (P); Hateboer (A)
Espulsi: –

Continua A Leggere

Post In Tendenza