Basket, Serie A: il riassunto della terza giornata

Dopo la sorprendente caduta della Virtus, arriva anche quella di Venezia con Pesaro: bene Brescia con Treviso, Sassari a valanga su Roma.

Virtus Roma 72 – Sassari 92

Come pronosticabile, non c’è stata storia tra Roma e Sassari nel primo match del pomeriggio domenicale di Serie A. Dopo le due nette vittorie in Supercoppa contro Roma, la Dinamo fa 3/3 con la Virtus e 2/3 in campionato. Roma, senza Beane e Evans, resta a contatto solo nel primo quarto, grazie ad un ottimo Jamil Wilson. La seconda frazione, che inizia sul punteggio di 10-21, vede la squadra di Pozzecco distaccarsi dagli avversari con facilità: alla seconda sirena il punteggio dice 23-44. Nella ripresa la Virtus è brava a non crollare e, nonostante le difficoltà date dalla rotazione ridotta, non concede a Sassari di andare oltre i 20 punti di vantaggio. Il terzo quarto (con il parziale vinto da Roma 21-18) termina 44-62: all’ultima sirena il punteggio dice 72-92.

Roma, dopo il super esordio casalingo contro la Fortitudo, subisce la seconda sconfitta consecutiva. La squadra di Piero Bucchi poteva fare davvero poco ieri sera: per i capitolini bene il già citato Wilson con 15 punti e un superlativo Baldasso, con 29 punti, 8 assist e 10/19 dal campo. Sassari, priva ancora di Tillman, arriva alla seconda vittoria in questo avvio di campionato: in doppia cifra Spissu (19), Bilan (15), Treier (15) e Pusica (14).

Trieste 65 – Milano 87

Vince ancora e con autorità Milano, che spazza via un impotente Pallacanestro Trieste. L’Allianz non ha potuto schierare Henry e Udanoh, che sono entrambi alle prese con degli infortuni che destano preoccupazione in casa Trieste. Milano ha colto l’occasione e si è presa un ottimo vantaggio già nel primo quarto, terminato 12-26. Trieste è arrivata a -9 a fine primo tempo, ma ha subito un 24-9 mortifero dell’Armani Exchange nel terzo quarto, in cui si è chiusa di fatto la partita. Nel quarto quarto l’Allianz non poteva più rimontare e all’ultima sirena il punteggio recita 65-87.

3/3 in campionato per l’Olimpia Milano (2/2 anche in Eurolega): la squadra di Messina è concreta e convincente nella trasferta giuliana. 11 giocatori a segno per le scarpette rosse: da segnalare Leday, dominante con 18 punti e 14 rimbalzi, e Shields con 13 punti, 5 rimbalzi e 4 assist. Trieste perde con onore: il top scorer è Doyle con 17, bene anche Alviti con 13 e 12 rimbalzi e Upson (11+14 assist).

Treviso 87 – Brescia 94

Non basta un sontuoso David Logan da 30 punti per portare a casa la vittoria: Treviso cede in casa contro Brescia, che conquista la prima vittoria in campionato. Decisivi il tiro da tre punti per gli ospiti (9/16) e una panchina che si conferma lunga e di qualità. Treviso ha il merito di rimontare il -14 di metà gara ma deve arrendersi: la De’ Longhi paga la differenza a rimbalzo (21-31 il conto delle carambole) e l’apporto insufficiente della panchina (vera, grande differenza tra le due squadre). Nel primo quarto Brescia si porta subito avanti: le due squadre tirano benissimo, come testimonia il 26-31 della prima frazione. Anche nel secondo quarto le squadre continuano a fare bene: le Leonessa aumenta di poco il vantaggio, 40-54 il risultato a fine primo tempo. Nella ripresa arriva la reazione di Treviso: Brescia aumenta le palle perse, Logan continua a segnare ed è ben assistito da Russell e Akele. A fine terzo quarto il parziale dice dunque 64-70. Nell’ultimo quarto Treviso si rifà sotto, fino al 70 pari: qui Brescia piazza un importante parziale di 11-0, ma la De’ Longhi non molla. A 1 minuto dalla fine Brescia è solo a +1: Moss segna però una tripla, la difesa della Leonessa recupera palla e Chery segna in contropiede chiudendo la partita. 87-94 il finale.

Come anticipato, memorabile prova di Logan: 30 punti e 11/17 dal campo. Bene anche Russell con 16 punti: in doppia cifra anche Carroll e Akele, entrambi con 11. Per Brescia ci sono 6 giocatori in doppia cifra, statistica che simboleggia la buona prestazione corale della Leonessa: MVP Cline, con 20 punti (8/8 dal campo), 5 rimbalzi e 24 di valutazione. Importante l’apporto (soprattutto difensivo) di Moss e di Sacchetti. Leggermente meno brillanti del solito Chery e Crawford.

Reyer Venezia 72 – Pesaro 90

Che sorpresa al Taliercio! Pesaro doma la Reyer Venezia con una prestazione praticamente perfetta: la squadra marchigiana non vinceva al Taliercio dal 2016. La vittoria è frutto di una bella prestazione corale e di ottime percentuali al tiro per la squadra di coach Repesa. Pesaro ha tirato infatti da oltre l’arco 13/27: al contrario, pessima la percentuale di Venezia, con 7/28 da 3 punti. Top scorer della serata Filipovity con 23 punti: molto bene in casa Pesaro anche Massenat con 22 e Cain con 11 punti e 10 rimbalzi. Per la Reyer ci sono solo tre giocatori in doppia cifra: Tonut (17), Watt (14) e Fotu (11).

La Reyer rimane a contatto solo nel primo quarto, chiuso in vantaggio 23-19: gli altri 3 quarti vedono parziali farevoli agli ospiti. Nel secondo quarto Pesaro piazza un parziale di 22-15 e si porta sul 41-38. Nel terzo quarto gli ospiti allungano sul 55-64 e non si guardano più dietro: la partita termina 90-72 per Pesaro. Il successo porta Pesaro a raggiungere proprio la Reyer nel gruppo di squadre con un record di due vittorie e una sconfitta. Nella prossima giornata la Carpegna Prosciutto sarà impegnata in casa contro Trento, mentre Venezia andrà in trasferta a Desio.

Reggio Emilia 76 – Brindisi 80

Partita particolarmente tirata tra Reggio Emilia e Happy Casa Brindisi: entrambe le squadre erano reduci da una vittoria. La squadra pugliese si porta a casa i due punti, con Harrison e Thompson migliori giocatori della partita. Nel primo tempo nessuna delle due squadre riesce a prendere il largo: il primo quarto termina 21-22 per gli ospiti (Brindisi), il secondo 36-37. Le due formazioni procedono sempre “a braccetto” nella prima parte di gara: il distacco tra le due squadre non va praticamente mai oltre il singolo possesso. Nella terza frazione arriva lo strappo dell’Happy Casa: parziale di 25-18 e +8 alla fine del quarto (54-62). Nell’ultimo quarto Reggio prova a rimontare, ma l’incontro termina 76-80.

Top scorer della gara Thompson con 19: bene anche il già citato Harrison, con 16, 5 assist e 5 recuperi. Per Reggio non bastano i 16+7 rimbalzi di Bostic e i 14 di Kyzlink e Taylor (che ci aggiunge 8 rimbalzi). Con questo successo Brindisi si porta a 4 punti, mentre Reggio rimane a 1 vittoria e 2 sconfitte. L’Happy Casa sarà impegnata settimana prossima in casa contro Treviso, mentre la Unahotels nella difficile trasferta a Bologna, contro la Virtus.

Varese 80 – Cantù 90

Il derby lombardo tra Varese e Cantù va all’Acqua San Bernardo che, priva di Smith (positivo al Covid), sfodera un’ottima prestazione. Nonostante il caos delle ultime ore dovuto alla positività di Jamie Smith, Cantù fa quadrato e si aggiudica un bel derby. Non bastano alla squadra di massimo Bulleri la solita, ottima prestazione di Scola e quella di Douglas. La squadra di Pancotto trova in Thomas e Woodard i riferimenti con cui portare a casa la vittoria. La partita ha visto un primo quarto in cui Varese ha provato una fuga: il primo parziale era di 29-23 per i padroni di casa (Varese). Nel secondo quarto gli ospiti si sono rifatti sotto, pareggiando a quota 44: nella terza frazione l’Openjobmetis si porta ancora in vantaggio, (+6, 64-58). Cantù gioca però un ultimo quarto clamoroso, concluso con un parziale di 32-16:  il risultato finale è 80-90.

Per Cantù clamorosa doppia doppia di Thomas, con 21 punti e 12 rimbalzi: bene anche il già citato Woodard con 15 punti e 6 carambole. A Varese non bastano i 29 punti di Scola e i 21 di Douglas. Con questa vittoria Cantù aggancia Varese, con un record di 2 vittorie e 1 sconfitta: arriva infatti il primo stop in campionato per l’Openjobmetis, dopo le ottime vittorie contro Brescia e Fortitudo. Varese nella quarta giornata sarà impegnata a Cremona, mentre Cantù ospiterà la Reyer Venezia.

La classifica dopo 3 giornate

6 punti: Milano.

4 punti: Virtus Bologna, Venezia, Trieste, Cantù, Sassari, Brindisi, Varese

2 punti: Brescia, Roma, Pesaro, Reggio Emilia, Cremona, Fortitudo Bologna, Treviso

0 punti: Trento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: