Connettiti con noi

Atalanta

Atalanta-Juventus 1-0: la Dea fa la storia

Giorgio Bombonato

Pubblicata

su

Dopo vent’anni esatti l’Atalanta riesce a battere la Juventus nel massimo campionato italiano grazie ad una rete fortunosa di Malinovskyi che sfrutta la deviazione di Alex Sandro su un tiro innocuo dai 25 metri per spiazzare Szczesny e portare i suoi al terzo posto in classifica.

Partita brutta e molto nervosa caratterizzata dalla paura delle due squadre di subire gol che ha portato ad attacchi lenti e fin troppo equilibrati.
Ci sono state occasioni importanti da una parte e dall’altra con Morata e Zapata che non sono però riusciti a finalizzare.

A fare la differenza nella compagine bergamasca sono ancora una volta i cambi: nello specifico Malinovskyi e Ilicic che cambiano il volto offensivo della squadra e riuscendo a costruire il gol del decisivo 1-0.

La Juventus continua la sua sfortunatissima annata sia dal punto di vista degli avvenimenti in campo (oggi infortunio di Chiesa) che dal punto di vista dei risultati dato che oggi la sconfitta è arrivata per un tiro deviato.

Pagelle

Atalanta
Gollini: 6
Toloi: 6.5
Palomino: 7
Djimsiti: 6.5
Maelhe: 6 ( dal 72’ Malinovskyi 7)
De Roon: 6.5
Freuler: 6
Gosens: 6
Pessina: 6.5 ( dal 46’ Pasalic 5.5)
Zapata: 4.5
Muriel: 5 ( dal 68’ Ilicic 6.5)

Juventus
Szczesny: 6
Cuadrado: 7
De Ligt: 7
Chiellini: 6.5
Alex Sandro: 6
McKennie: 6
Bentancur: 6.5
Rabiot: 6
Chiesa: 5 ( dal 58’ Danilo 6.5)
Dybala: 5.5 ( dal 68’ Kulusevski 6)
Morata: 4

Continua A Leggere

Atalanta

Atalanta-Benevento 2-0: Dea con un piede in Champions

Giorgio Bombonato

Pubblicata

su

Vittoria sicura e da grande squadra quella della Dea sul proprio campo contro un Benevento sempre più indirizzato verso un ritorno in cadetteria.

Un gol per tempo per i nerazzurri che la sbloccano con il 22esimo gol stagionale di Luis Muriel in questa Serie A servito in maniera impeccabile dal solito Malinovskyi, vera arma in più dei bergamaschi in questo finale di stagione.

Nel secondo tempo i padroni di casa gestiscono senza forzare il ritmo di gioco e riuscendo anche a raddoppiare al 67’ con Pasalic.

Streghe che hanno dimostrato di non poter competere neanche sul piano dell’intensità nonostante la salvezza in bilico (e che ora sembra veramente utopia).
D’altro canto l’Atalanta si conferma meritatamente come la seconda forza del nostro campionato e si trova sempre più vicina alla terza storica qualificazione consecutiva alla Champions League.

Pagelle

Atalanta
Gollini: S.V.
Hateboer: 6.5
Romero: 7
Palomino: 6.5
Malinovskyi: 6.5 ( dal 59’ Pasalic 7)
De Roon: 6.5
Freuler: 6
Gosens: 5.5 ( dal 59’ Djimsiti 6)
Muriel: 7 (dal 66’ Miranchuk 6)
Pessina: 6 ( dal 59’ Ilicic 5.5)
Zapata: 6.5 ( dal 89’ Lammers S.V.)

Benevento
Montipó: 5.5
Tuia: 5.5
Glik: 5
Caldirola: 4
Barba: 5.5 (dal 73’ Depaoli 6)
Dabo: 6 (dal 85’ Tello S.V.)
Viola: 5 ( dal 58’ Ionita 5.5)
Hetemaj: 6 ( dal 73’ Depaoli 5.5)
Lapadula: 4.5
Improta: 5.5
Gaich: 5 ( dal 58’ Caprari 6)

Continua A Leggere

Atalanta

Atalanta-Benevento 2-0: Dea con un piede in Champions

Giorgio Bombonato

Pubblicata

su

Vittoria sicura e da grande squadra quella della Dea sul proprio campo contro un Benevento sempre più indirizzato verso un ritorno in cadetteria.

Un gol per tempo per i nerazzurri che la sbloccano con il 22esimo gol stagionale di Luis Muriel in questa Serie A servito in maniera impeccabile dal solito Malinovskyi, vera arma in più dei bergamaschi in questo finale di stagione.

Nel secondo tempo i padroni di casa gestiscono senza forzare il ritmo di gioco e riuscendo anche a raddoppiare al 67’ con Pasalic.

Streghe che hanno dimostrato di non poter competere neanche sul piano dell’intensità nonostante la salvezza in bilico (e che ora sembra veramente utopia).
D’altro canto l’Atalanta si conferma meritatamente come la seconda forza del nostro campionato e si trova sempre più vicina alla terza storica qualificazione consecutiva alla Champions League.

Pagelle

Atalanta
Gollini: S.V.
Hateboer: 6.5
Romero: 7
Palomino: 6.5
Malinovskyi: 6.5 ( dal 59’ Pasalic 7)
De Roon: 6.5
Freuler: 6
Gosens: 5.5 ( dal 59’ Djimsiti 6)
Muriel: 7 (dal 66’ Miranchuk 6)
Pessina: 6 ( dal 59’ Ilicic 5.5)
Zapata: 6.5 ( dal 89’ Lammers S.V.)

Benevento
Montipó: 5.5
Tuia: 5.5
Glik: 5
Caldirola: 4
Barba: 5.5 (dal 73’ Depaoli 6)
Dabo: 6 (dal 85’ Tello S.V.)
Viola: 5 ( dal 58’ Ionita 5.5)
Hetemaj: 6 ( dal 73’ Depaoli 5.5)
Lapadula: 4.5
Improta: 5.5
Gaich: 5 ( dal 58’ Caprari 6)

Continua A Leggere

Atalanta

L’Atalanta inforna il Parma, la Manita arriva naturale

Avatar

Pubblicata

su

Il Parma ormai retrocesso si fa asfaltare agilmente dalla squadra di Gasperini che continua la sua corsa per la zona Champions è ora in attesa della Juve si trova al secondo posto.

Partita scontata, l’Atalanta aumenta la differenza reti fatte

Nella 35.ma giornata di Serie A, la squadra di Gasperini cala la manita contro il Parma di D’Aversa che nulla può contro il carrozzone Bergamasco.

La partita è praticamente un monologo neroazzurro, non ci sono azioni degne di nota da parte del Parma

Al Tardini infatti apre le danze Malinovskyi (12′) che sblocca la gara,  Zapata centra la traversa in modo incredibile ma cosi si chiude il primo tempo, il Parma sembra non essere sceso in campo.

Nella ripresa della partita ci pensa Pessina che raddoppia (52′) e dopo venti minuti arriva il terzo gol del solito Muriel (77′) che firma una doppietta (77′ e 86′).

Nel finale di partita vanno a segno Brunetta (78′), Sohm (88′) e Miranchuk (93′). ormai il Parma retrocesso non ha potuto fare nulla per fermare il blindato Bergamasco.

IL TABELLINO
PARMA-ATALANTA 2-5
Parma (4-3-3): Sepe; Busi, Alves, Osorio, Gagliolo (35′ st Conti); Grassi (15′ st Valenti), Sohm, Kurtic; Kucka (31′ st Camara), Cornelius (31′ st Brunetta), Gervinho (15′ st Pellè).
A disp.: Colombi, Rinaldi, Balogh, Bani, Laurini, Zagaritis, Dierckx. All.: D’Aversa
Atalanta (3-4-2-1): Sportiello; Palomino, Romero, Djimsiti; Maehle, De Roon, Freuler (31′ st Pasalic), Gosens (23′ st Hateboer); Ilicic (1′ st Pessina), Malinovskyi (13′ st Miranchuk); Zapata (1′ st Muriel). 
A disp.: Gelmi, Rossi, Lammers, Caldara, Kovalenko, Ruggeri. All.:Gasperini
Arbitro: Giua
Marcatori: 12′ Malinovskyi (A), 7′ st Pessina (A), 32′ st Muriel (A), 33′ st Brunetta (P), 43′ st Sohm (P), 48′ st Miranchuk (A)
Ammoniti: Grassi (P); Hateboer (A)
Espulsi: –

Continua A Leggere

Post In Tendenza